Ruby visto da un programmatore C# (pillole) [3]

Come già detto più volte Ruby è un linguaggio interpretato e ogni riga di codice scritta viene di fatto eseguita dal runtime. Questo vale anche per le definizioni delle classi che possono quindi sfruttare questo aspetto per migliorare la leggibilità rimanendo comunque sintetiche.

Un esempio lampante è la definizione degli attributi di una classe. Ruby non ha il concetto di Proprietà come C# ma permette di definire un metodo get e un metodo set per impostare il valore di una variabile d’istanza. Questo può essere fatto tramite la chiamata ad un metodo:

class Person
  attr_accessor :name
end

attr_accessor è un metodo che riceve in ingresso i nomi (sotto forma di simboli) degli attributi da definire. Quando il runtime esegue quella riga di codice attr_accessor tramite metaprogrammazione va ad aggiungere alla classe il seguente codice:

def name
  @name
end
def name=(val)
  @name = val
end

Il risultato è un simile a quello che si ottiene con le autoproperty di C# 3 con la differenza che in C# è il compilatore che genera gli accessor a compile time, in ruby invece vengono generati a runtime quando viene eseguito il codice.

Altra cosa interessante, sul quale torneremo è la definizione estesa dell’attributo “set” fatta tramite l’implementazione del metodo “=”…in ruby non esistono “cose speciali” e “=” , “+”, ecc…possono essere usati come nome di un metodo :-)

Keep in Touch

Sono interessato a: